Un paio di ali sulle spalle

Un paio di ali sulle spalle

di Luca Trapanese (Presidente di A ruota libera onlus – Napoli)

Quando mi chiedono di esprimere cosa significa per me “famiglia” non posso fare a meno di pensare ad Alba e me. Non siamo una famiglia tradizionale, anzi per molti siamo una famiglia “disabile” e non parlo solo della sindrome di down ma di quello che io ed Alba insieme rappresentiamo.
Io single e gay, lei disabile abbandonata e rifiutata.
Eppure, per me siamo la famiglia perfetta, una famiglia diversa e strana, ma chi può stabilire cosa è la normalità, chi si può arrogare il diritto di determinare chi è perfetto e chi imperfetto?
Quali sono i parametri di valutazione?

Quando sono stato convocato dal Tribunale per i minorenni di Napoli per essere valutato come probabile “famiglia” di Alba non mi sembrava vero, mai avrei immaginato di desiderare nulla di più.
Nè mai mi sono lontanamente pentito della scelta che ho fatto, una scelta non dettata dalla voglia di fare del bene o una buona azione, ma dal desiderio di paternità e dalla consapevolezza di essere pronto ad avere un figlio disabile.

Il modello di famiglia è quello che la storia e la cultura ci ha inculcato come unico modello da seguire, la cosiddetta famiglia tradizionale composta da madre, padre e figli, ma da molti anni viviamo l’esperienza ormai diffusa che la “famiglia” si è trasformata in modo significativo. Non si sta trasformando, si è trasformata, ed ora è il momento in cui una società che si vanta di essere all’avanguardia deve essere pronta a garantire pari diritti alle nuove famiglie.

Ormai è impossibile cercare di catalogare la famiglia, le possibilità sono molteplici, i casi sono diversi, le componenti a volte sono complicate ma un unico fattore comune a tutti ed è quello che dovrebbe essere caratterizzante per definire il termine “tradizionale” è l’AMORE.
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza, dove si valorizzano e si preservano le persone che la compongono.

Essere famiglia significa dare futuro a chi amiamo, significa essere pronti a rinunciare a se stessi per un altro, fare sacrifici per degli obbiettivi superiori, cambiare la proprie abitudini, mettere al primo posto le esigenze dei nostri figli ed augurarci che non siano i primi nella società ma che siano felici.
Questo non dipende dalla presenza di una madre e di un padre, ma dipende esclusivamente dalla consapevolezza dell’adulto che sceglie di essere genitore che la paternità e la maternità sono una vocazione.

Siamo una generazione di uomini chiamata a riscrivere le regole della paternità, spesso viviamo il ruolo di padre col timore di sminuire la nostra virilità o il dubbio di sovrapporci alla figura materna. Spesso siamo chiamati “mammo”. Questo accade perché è evidente la fatica che molti fanno nel riconoscere anche un uomo solo capace di poter essere famiglia per i propri figli.

Le nuove famiglie non sono legate alla genitorialità tradizionale ma anche alla monogenitorialità.

Finalmente nell’ultima sentenza dello scorso marzo la cassazione dice: ” è patrimonio dell’ordine pubblico italiano il principio di non discriminazione, rivolto sia a non determinare ingiustificate disparità di trattamento nello status filiale dei minori con riferimento in particolare al diritto all’identità ed al diritto di crescere nel nucleo familiare che meglio garantisca un equilibrato sviluppo psico—fisico nonché relazionale — sia a non limitare la genitorialità esclusivamente sulla base dell’orientamento sessuale della coppia richiedente“.

Credo fortemente che la famiglia, a prescindere dalle connotazioni culturali, sia una cellula vitale quando garantisce quella stabilità che non è data dalla tradizione ma esclusivamente dall’amore e dall’affetto, unico metro di valutazione per definire una vera famiglia.
Per me essere padre significa mettere un paio di ali sulle spalle di Alba ed insegnarle a volare; essere famiglia è avere la mente occupata costantemente dalle esigenze e dai desideri che possono rendere serena e felice mia figlia.

Image credit: bingngu93 da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Salvare i più sfortunati

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Leggi l'articolo

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

Leggi l'articolo

La sorte della cessione del “quinto”

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Leggi l'articolo

Classi di ferro

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Leggi l'articolo

Il dialogo tra debito e potere

Fabio Cesare
I principi di diritto positivo vanno dunque contestualizzati in modo dinamico alla luce di valori di coesione sociale

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno

Il salto culturale

Pubblicato in |||

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Salvare i più sfortunati

Pubblicato in |||

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

La sorte della cessione del “quinto”

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Classi di ferro

Pubblicato in |||

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Quale avvocato per la crisi famigliare

Pubblicato in |||

Isabella De Bellis Sciarra
Un approccio che tenga conto solo delle aspettative del cliente rischia di portare a scelte operative controproducenti