Youth

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)

La giovinezza, o almeno il comune sentire di essa, è inevitabilmente legata alla dimensione temporale, all’adolescenza, alla fase che segna il passaggio dall’infanzia all’età adulta. Sono concentrate lì tutte le esperienze che determineranno le nostre scelte, le passioni, i successi e le piccole e grandi delusioni che ci orienteranno nel futuro.

Questo è quello che si vede da giovani: si vede tutto vicinissimo, quello è il futuro. E questo è quello che si vede da vecchi: si vede tutto lontanissimo, quello è il passato

dice Harvey Kaitel (Mick Boyle) in “Youth – La Giovinezza” di Paolo Sorrentino.

La giovinezza è una fase “necessariamente” felice della vita solo perché si è giovani di età, o piuttosto è uno stato d’animo?
Si è felici solo perché si è giovani?
O ha ragione Kafka quando dice che “la giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio”?

Le continue trasformazioni della società hanno inciso radicalmente sulla stessa concezione della giovinezza. Prediligendo la rincorsa al sempre-verde mito della giovinezza come benessere fisico (ma soprattutto estetico) a qualunque età, piuttosto che la felicità ed il benessere di chi è giovane.

Eppure, per il Programme on Youth delle Nazioni Unite

“i giovani sono la categoria di persone tra i 15 ed i 24 anni di età, i quali hanno desideri ed aspirazioni a partecipare pienamente alla vita delle società a cui appartengono in tutto il mondo. Sono i principali agenti di sviluppo economico, di cambiamento sociale e di innovazione tecnologica.
Va assicurato loro il vivere in condizioni ed ambienti che favoriscano gli ideali, la loro creatività, la passione, sviluppando una tensione al miglioramento della loro società. Si trovano di fronte ad un paradosso: prendere parte ed integrarsi nelle attuali società, ma contemporaneamente esserne una forza di trasformazione”. *

Ancora, il Consiglio dei Ministri dell’Unione Europea (Sessione Gioventù), con la Risoluzione n° 15131/09 intitolata “Un quadro rinnovato di cooperazione europea in materia di gioventù per il periodo 2010-2018 (Bruxelles, 17 novembre 2009)”, così si esprime nella nota inviata al Comitato dei Rappresentanti permanenti:

….“Ricordando che il Consiglio europeo del marzo 2005 ha adottato il Patto europeo per la gioventù come uno degli strumenti che contribuiscono alla realizzazione degli obiettivi di Lisbona in materia di crescita e occupazione, e alla luce dell’adozione di un nuovo quadro di cooperazione nel settore della gioventù per il periodo 2010 – 2018 – che mette in evidenza tra l’altro l’urgenza di combattere l’alto livello di disoccupazione giovanile nell’UE – il Consiglio invita il Consiglio europeo: – a provvedere affinché nella strategia di Lisbona per il periodo successivo al 2010 sia preservata una dimensione giovanile e a sostenere la continuità delle iniziative conformemente agli obiettivi generali del Patto europeo per la gioventù, nonché ad assicurare l’applicazione del nuovo quadro di cooperazione europea nel settore della gioventù per il periodo 2010-2018.

Invece, poca o scarsa occupazione e tasso di natalità in perenne decrescita affliggono il nostro Paese.

Secondo i dati ISTAT (dati pubblicati a giugno 2019) sono 2.652.000 i disoccupati e, se pure il tasso di disoccupazione si attesta al 10,3% (-0,2 punti percentuali), quello giovanile sale leggermente al 31,9% (+0,1 punti). L’Italia registra a febbraio del 2019 il secondo tasso più alto di disoccupazione giovanile fra gli Stati membri europei con un 32,8%, secondo solo a Grecia (39,5% a dicembre 2018) (fonte Ansa.it)

Un Paese vecchio, e non solo anagraficamente, come di recente certificato dall’ultimo dato Istat sul preoccupante calo demografico.

Nessuna politica seria a sostegno della natalità o del lavoro per i giovani, i nostri figli, che sono i veri nuovi (e)migranti. Sempre più dotati di strumenti tecnologici ma sempre meno istruiti, con un sistema scolastico ed universitario azzoppato, da tagli e mancati investimenti. Sempre più sottopagati, quando riescono a trovare lavoro, e senza alcuna stabilità di mantenerlo, con una minima tranquillità economica che permetterebbe loro indipendenza economica e forse la prospettiva di “mettere su famiglia”, come dicevano i nostri vecchi.

Una popolazione giovanile ancora troppo dipendente dai genitori, se non addirittura dalle pensioni dei nonni.
Una popolazione sempre più vecchia, che avrà bisogno di sempre più assistenza, che non potrà più avere.

E che si autoconsolerà con l’aver mantenuto un aspetto giovanile, piuttosto che aver pensato, per tempo, alla giovinezza dei suoi giovani.

Youth are defined by the United Nations as between the ages of 15 and 24; Young people everywhere: – Have aspirations and want to participate fully in the lives of their societies. Are key agents for social change, economic development and techno- logical innovation. Should live under conditions that encourage their imagination, ideals, energy and vision to flourish to the benefit of their societies. Are confronted by a paradox: to seek to be integrated into the existing society and to serve as a force to transform it.

https://www.un.org/development/desa/youth/

PH: Free-Photos da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

surfisti poeti

di Nicola Lopez (Giurista d’impresa in Roma)
I surfisti assorbono l’energia di un’onda, assecondandola per trasformarla in guizzi cinetici

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…

LA BULIMIA, LA “PRESENTIFICAZIONE” DEL FUTURO E LA “NIENTIFICAZIONE” DEL TUTTO

Pubblicato in |

Occorrerebbe muoversi con pazienza e senza quella antipatica fretta del…