oltre #me too

Oltre #MeToo

di Serenella Molendini (Consigliera Nazionale di Parità supplente)

Si è tenuta a Ginevra, dal 10 al 21 giugno, la 108° Conferenza Internazionale dell’Organizzazione Internazionale sul Lavoro, che celebrava quest’anno il suo centenario e che ha avuto come obiettivo quello di invitare tutte le parti coinvolte – i governi, le organizzazioni datoriali e le organizzazioni sociali – ad impegnarsi in una serie di misure (Dichiarazione del Centenario dell’OIL che promuove un futuro del lavoro incentrato sulla persona) per affrontare le sfide relative ai cambiamenti che stanno avvenendo nel mondo del lavoro, sollecitandole ad impegnarsi per costruire una nuova agenda per un futuro dignitoso del lavoro incentrato sulla persona.

A chiusura dei lavori, il 21 giugno, è stata approvata un’importantissima Convenzione – la n° 190 – e la Raccomandazione che l’accompagna al fine di porre un freno al dilagare della violenza e delle molestie nel mondo del lavoro.
Questa data ha, dunque, segnato un momento storico fondamentale nel cammino contro le molestie e la violenza sulle donne nei luoghi di lavoro, merito anche del #MeToo e del Time’s Up che hanno portato all’attenzione mondiale un fenomeno che si annida in modo subdolo in tutti i luoghi di lavoro.

È il primo Trattato del genere a livello mondiale che riconosce e conferma questo fenomeno come una violazione dei diritti fondamentali di tutte e di tutti.

Ed è una grande vittoria di civiltà aver trovato il giusto punto di condivisione tra tutti i rappresentanti di Governo, del mondo imprenditoriale e dei lavoratori e delle lavoratrici, per fare convergere i voti su un documento che rappresenta un altro passo in avanti per l’affermazione dei diritti delle donne, soprattutto laddove ancora oggi il lavoro è sfruttamento e schiavitù.

Una delle maggiori difficoltà per le convenzioni internazionali è infatti quella di avere una definizione condivisa, per riconoscere il problema ed agire in maniera comune.
E sappiamo bene che le molestie e la violenza sul lavoro esistono, seppur a stadi differenti, in tutto il mondo, anche in quello occidentale.

Purtroppo, sappiamo anche che le lavoratrici, al fine di non incorrere in ritorsioni o licenziamenti, difficilmente denunciano, come risulta dai Rapporti annuali delle Consigliere di Parità che, in qualità di pubblici ufficiali, sostengono le lavoratrici ed eventualmente, in caso di denuncia, possono adire in giudizio.
La nostra normativa su questo aspetto è molto chiara e, recependo anche le direttive europee, ha inserito le molestie e le molestie sessuali nella normativa antidiscriminatoria (Dlgs. 198/2006 e successive modifiche e integrazioni).

Oggi grazie alla Convenzione n° 190 e alla Raccomandazione c’è un nuovo strumento per contrastare un lavoro libero da molestie e violenza.
Significativa è la definizione di violenza e molestia come “comportamenti, pratiche o minacce che puntano a provocare, o quantomeno possono comportare, danno fisico, psicologico, sessuale o economico”.

Ancora più importante è che la Convenzione richiami i 187 stati membri dell’ILO – presenti con rappresentanti di governi, lavoratori e datori di lavoro – alla loro responsabilità di promuovere “tolleranza zero” come standard generale.

La Convenzione riconosce che la violenza e le molestie nel mondo del lavoro “può costituire una violazione o un abuso dei diritti umani… è una minaccia per le pari opportunità, è inaccettabile e incompatibile con il lavoro dignitoso”.
La nuova norma internazionale del lavoro mira a proteggere lavoratori/lavoratrici, indipendentemente dal loro status contrattuale, e include le persone in formazione, tirocinio e apprendistato, persone per le quali è terminato il rapporto di lavoro, in cerca di lavoro, candidati al lavoro e volontari.
Riconosce, altresì, che “le persone che esercitano autorità, doveri o responsabilità propri di un datore di lavoro” possono anch’esse essere soggette a violenza e molestie.

La norma detta gli standard dei luoghi di lavoro: i luoghi in cui la lavoratrice/lavoratore viene retribuito, svolge la pausa dal lavoro o usa servizi igienici e spogliatoi, negli alloggi forniti dal datore di lavoro; nel tragitto casa-lavoro, durante viaggi di lavoro, formazione, eventi o attività sociali collegati all’attività lavorativa; comunicazioni relative al lavoro (anche attraverso le tecnologie dell’informazione e della comunicazione).

Manuela Tomei, direttrice del dipartimento di qualità del lavoro dell’ILO, ha dichiarato: “Senza rispetto, non c’è dignità sul lavoro e, senza dignità, non c’è giustizia sociale.”

Ora abbiamo una definizione concordata di violenza e molestie.
Sappiamo cosa deve essere fatto per prevenire e affrontarlo, e da chi.

La Convenzione entrerà in vigore 12 mesi dopo la ratifica di almeno due Stati membri.
La Raccomandazione, che non è giuridicamente vincolante, fornisce linee guida sull’applicazione della Convenzione.

Ci aspettiamo che l’Italia dia un segnale forte in tal senso, recependo quanto prima la Convenzione n°190, strumento giuridicamente vincolante, portandoci nel futuro di un lavoro dignitoso e libero dalla violenza e dalle molestie soprattutto per le lavoratrici.

#TOPICS: ultimi articoli

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Salvare i più sfortunati

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Leggi l'articolo

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

Leggi l'articolo

La sorte della cessione del “quinto”

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Leggi l'articolo

Classi di ferro

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Leggi l'articolo

Il dialogo tra debito e potere

Fabio Cesare
I principi di diritto positivo vanno dunque contestualizzati in modo dinamico alla luce di valori di coesione sociale

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno

Il salto culturale

Pubblicato in |||

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Salvare i più sfortunati

Pubblicato in |||

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

La sorte della cessione del “quinto”

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Classi di ferro

Pubblicato in |||

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Quale avvocato per la crisi famigliare

Pubblicato in |||

Isabella De Bellis Sciarra
Un approccio che tenga conto solo delle aspettative del cliente rischia di portare a scelte operative controproducenti