Assegno divorzile: il tribunale di Matera bacchetta le sezioni unite

Assegno divorzile: il tribunale di Matera bacchetta le sezioni unite

di Enzo Varricchio

Come noto, con la sentenza n. 18287/2018, le sezioni unite della Suprema Corte hanno offerto una interpretazione innovativa dell’art. 5, comma sesto, della legge 898 del 1970, stabilendo che il riconoscimento dell’assegno di divorzio in favore dell’ex coniuge – cui deve attribuirsi una funzione assistenziale e, in pari misura, compensativa e perequativa – richiede l’accertamento dell’inadeguatezza dei mezzi dell’ex coniuge istante e dell’impossibilità di procurarseli per ragioni oggettive, applicandosi i criteri equiordinati di cui alla prima parte dell’art. 5, comma 6, della L. n. 898 del 1970, i quali costituiscono il parametro al quale occorre attenersi per decidere sia sulla attribuzione sia sulla quantificazione dell’assegno.
Il giudizio, tuttavia, dovrà essere espresso alla luce di una valutazione comparativa delle condizioni economico-patrimoniali delle parti, in considerazione del contributo fornito dal richiedente alla conduzione della vita familiare ed alla formazione del patrimonio comune, nonché di quello personale di ciascuno degli ex coniugi, in relazione alla durata del matrimonio e all’età dell’avente diritto.

La recente sentenza del Tribunale di Matera n. 277 del 14/11/2021, pubblicata il 13/04/2022, estensore il Presidente Giorgio Pica, giurista inclìto e raffinatissimo alla sua ultima decisione prima del pensionamento, bacchetta pesantemente l’interpretazione normativa della Corte di legittimità.

Secondo il collegio materano, con la sentenza 18287/2018, la Corte di Cassazione ha preso il classico “granchio”, in quanto la rilettura offerta dagli Ermellini del sesto comma dell’art. 5 citato, risulta in palese contrasto con il senso letterale e logico del testo normativo dell’art. 5 comma sesto, legge 898/1970 e, in definitiva, con l’intentio legis, e dunque viola il disposto dell’art. 12 comma primo delle preleggi.

Elidendo il presupposto normativo della radicale mancanza di autosufficienza economica e valorizzando piuttosto, ai fini della corresponsione dell’assegno, un dislivello reddituale conseguente alle comuni determinazioni assunte dalle parti nella conduzione della vita familiare, con la pronuncia della sezioni unite si “riporterebbe indietro di trent’anni il sistema giuridico, alla situazione ante riforma, che realizzava una indissolubilità economica del vincolo matrimoniale, comprimendo il diritto dei coniugi divorziati di riorganizzarsi autonomamente la propria esistenza”.

A detta del tribunale di Matera, seguendo gli Ermellini si riesumerebbe proprio il superato criterio del tenore di vita matrimoniale, producendo peraltro un serio aggravamento della complessità e della durata del giudizio divorzile, in quanto il giudice sarebbe costretto a svolgere in ogni giudizio divorzile in cui vi sia la relativa richiesta, accertamenti normalmente da svolgersi nella fase successiva della determinazione quantitativa e a condizione che sia prima emersa la fondatezza del diritto del richiedente stante l’inadeguatezza dei suoi mezzi di sussistenza.

La soluzione del foro lucano riconduce sul piano dell’interpretazione del concetto di “mancanza o impossibilità di procurarsi” mezzi adeguati, ed in particolare di “adeguatezza” dei mezzi medesimi, ribadendo la natura esclusivamente assistenziale dell’assegno di divorzio, in modo da evitare che la condizione di “coniuge divorziato si possa tramutare in una rendita vitalizia di posizione, pur in mancanza di una situazione di necessità, come era stato nella vigenza della precedente normativa. Nondimeno, lascia spazio residuale alla valutazione del contributo personale dei coniugi al ménage familiare ante separazione nella determinazione quantitativa dell’assegno, laddove concesso in base agli enunciati principi.

Qui il testo integrale della sentenza: https://www.oralegalenews.it/wp-content/uploads/2022/05/Tribunale-di-Matera-sentenza-277-2022.pdf

Credits: William Holbrook Beard, Divorce

Di Enzo Varricchio su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti per tutti i generi

Anna Losurdo
Un filo rosso verso una società sempre più giusta perchè sempre più uguale

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

Guerra e pace

Anna Losurdo
Non c’è libertà senza pace e non può esserci pace senza libertà

Leggi l'articolo

Nulla via impervia

Anna Losurdo
Nulla è più poetico di una strada solitaria. Ma davvero c’è poesia nelle vie solitarie di questo nostro tempo?

Leggi l'articolo

Nuove parole e nuovi metodi

Anna Losurdo
Improvvisamente la guerra non è più un brutto gioco di bambini

Leggi l'articolo

La grande follia

Laudato si’
Dobbiamo chiederci non chi può vincere la guerra, ma come disattivarla

Leggi l'articolo

Guerra dentro

Tiziana Nuzzo
Costruttore di pace è chi sia adopera ogni giorno a unire

Leggi l'articolo

Glottologia della guerra

Paola Furini
Noi occidentali non eravamo più abituati ad avere paura

Leggi l'articolo

Supplemento d’anima

Anna Paola Lacatena
Per sfuggire all’attrazione esercitata dall’orrore e dalle sue assolute certezze

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Dal sovraindebitamento alla composizione negoziata

Pubblicato in ||

A cura della redazione
L’Associazione Italiana Avvocati e Gestori
della crisi da sovraindebitamento e d’impresa organizza un evento formativo a
ROMA, HOTEL OCCIDENTAL ARAN PARK, 16 e 17 Giugno 2022

Filiazione materna sempre meno invisibile

Pubblicato in ||

Stefania Stefanelli
Una appliazione della tutela costituzionale dell’identità dei figli

Che sapere per non essere condannati

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
L’ipotesi di delitto di diffamazione aggravata all’interno dei social network è sempre più frequente

Le ragioni dei minori, senza pregiudizi

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
Nelle vicende di affidamento dei figli minori spesso molte illazioni psicologiche ma pochi o nessun fatto

Giustizia in tv ma col PNRR

Pubblicato in |||

Enzo Varricchio
È andato in TV il PNRR, il più grande piano di investimenti della storia dell’Unione Europea

Cosa indossavi?

Pubblicato in |

Maria Critina Carratù
Pubblichiamo la prefazione al libro di Iacopo Benevieri

Un percorso affascinante

Pubblicato in |||

Valeria Pettorino

Cultura scientifica e lungimiranza

Pubblicato in |||

Claudia Segre e Anna Losurdo

Ecosistema della condivisione

Pubblicato in |||

Alessandra Pugnetti

Ecosistema della resilienza

Pubblicato in |||

Leonilde Bonfrate

Ecosistema del pregiudizio

Pubblicato in |||

Serenella Civitelli

Ecosistema delle opportunità

Pubblicato in |||

Angela Agostiano