Ci siamo persi

Ci siamo persi

di Anna Losurdo

Quando abbiamo visto al cinema l’ultimo film di Ken Loach, non pensavamo alla pandemia, al lavoro agile o smart working dei mesi successivi.
E forse ci eravamo appena accorti che qualche mese dopo, in Italia, avremmo celebrato il 50° anniversario dello Statuto dei lavoratori.

Sorry we missed you” mette a nudo gli effetti della gig economy sulla vita delle persone e delle loro famiglie e la proletarizzazione di ogni mestiere nella società odierna.

gig economy:
Modello economico basato sul lavoro a chiamata, occasionale e temporaneo, e non sulle prestazioni lavorative stabili e continuative, caratterizzate da maggiori garanzie contrattuali.
www.treccani.it

Il nuovo capitalismo, i nuovi modelli produttivi, la scomparsa delle grandi fabbriche e del “vecchio” lavoro subordinato, le nuove aspettative e le nuove rivendicazioni dei lavoratori (quanto spontanee e quanto indotte?) hanno tarsformato in maniera forse irreversibile la nostra società.
Senza dimenticare che ci riferiamo, appunto, alla nostra società occidentale, Europea e generalmente del nord del pianeta terra. Dobbiamo sempre tenere presente ciò che accade nel resto del mondo per non cadere nel consueto egoriferimento geografico.

Nel film, la famiglia resiste (fino a quando?) alla sottrazione di dignità e di umanità subita dai genitori lavoratori, che svolgono una serie di micro-lavori per coprire il bilancio personale e familiare.

Siamo davvero disposti ad adottare questo modello di società?
Questo modello di lavoro, che dovrebbe essere il pilastro della nostra società democratica ?
Questa finzione in base alla quale lavoratori dipendenti risultino invece lavoratori autonomi per evitare al datore di lavoro i costi dei diritti sul lavoro.
Siamo disposti rinunciare alle tutele conquistate nei decenni successivi allo Statuto dei lavoratori barattandole con una finta indipendenza?
O ci siamo semplicemente persi?

Risale a qualche settimana fa (25.6.2020) la nuova bocciatura del Jobs act da parte della Corte costituzionale che ha confermato il principio generale, già affermato nel 2018. Il solo criterio dell’anzianità di servizio per determinare l’indennità risarcitoria nei licenziamenti illegittimi è incostituzionale (https://www.cortecostituzionale.it/documenti/comunicatistampa/CC_CS_20200624185434.pdf).

La Corte ha più volte ribadito il valore irrinunciabile dei principi fondamentali dettati dalla Costituzione nella interpretazione del nostro sistema di garanzie e di tutele del lavoro.

“Il diritto al lavoro (art. 4, primo comma, Cost.), affiancato alla tutela del lavoro “in tutte le sue forme ed applicazioni” (art. 35, primo comma, Cost.), si sostanzia nel riconoscere che i limiti posti al potere di recesso del datore di lavoro correggono un disequilibrio di fatto esistente nel contratto di lavoro”.

“Il forte coinvolgimento della persona umana – a differenza di quanto accade in altri rapporti di durata – qualifica il diritto al lavoro come diritto fondamentale, cui il legislatore deve guardare per apprestare specifiche tutele”

A ben vedere, questi principi sono in netto contrasto con la visione economicistica del lavoro che ha trovato nel Jobs Act il punto di approdo.
Abbiamo smarrito quei principi o ci siamo persi noi?

Qualsiasi progetto di futuro, individuale o in gruppo “familiare” può prescindere dalla stabilità economica? E, soprattutto, dalla dignità del lavoro data anche dalla giusta remunerazione?
E a proposito di nuovi e vecchi modelli, non sono così certa che i nuovi lavori e le nuove forme di organizzazione siano meno alienanti di quelli fordisti del secolo scorso.

La vita dei protagonisti del film, non diversamente da quella reale dei molti lavoratori della gig economy, appare deprivata: del riposo, del futuro, della felicità, delle stesse relazioni umane.

Le istanze libertarie degli anni ’70 del Novecento sono state catturate dal capitalismo e trasfuse nella nostra attuale società dell’efficienza.
Abitata da individui solo in apparenza sovrani, a cui tutto è permesso e nulla impedito. Ma di fatto ridotti a mere risposte all’apparato attraverso l’omologazione dei comportamenti e la gratificazione dei consumi. Unica compensazione alla mancanza di essere.

Il futuro, anche quello del lavoro, non può certo restare ancorato alla nostalgia del passato.
Ma dovremmo riuscire a costruirne uno che non annienti l’umanità di ogni persona.

Image credit: www. wikimedia.org/Cabines_de_bain_Berck

di Anna Losurdo su Ora Legale News:
https://www.oralegalenews.it/magazine/16-febbraio-2020/al-lavoro/9966/2020/

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il 25 novembre

Pubblicato in

Giornata contro la violenza sulle donne.Mondo assurdo. La violenza sulle…

THE END

Pubblicato in

Nell’infinitamente grande e nell’infinitamente piccolo c’è una immensità di cose…

Fughe, ricrescite e scolature

Pubblicato in

La Cina, quella della via della seta, chiude affari d’oro…

Ito

Pubblicato in

Massimo Corrado Di Florio
“Vivi, lascia vivere ma soprattutto… nun te fa pijà per culo.”

La giusta pena

Pubblicato in ||||

Franca Mina
La previsione di pene elevate astrattamente comminabili determina inevitabilmente un cortocircuito tra amministrazione della giustizia e senso di sicurezza dei cittadini

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio