Senza diritti

Senza diritti

di Aldo Luchi (Avvocato in Cagliari)

Quante volte abbiamo sentito l’espressione “essere cittadino del mondo”?
E quante volte ci siamo fermati a considerare quali implicazioni abbia questo status per chi davvero non abbia una cittadinanza, in termini di esercizio e di tutele dei diritti fondamentali?
L’idea romantica di libertà che l’espressione suggerisce non tiene conto degli aspetti negativi con i quali gli apolidi devono confrontarsi in ragione della loro condizione.

L’apolide è colui che “nessuno Stato considera come suo cittadino nell’applicazione della sua legislazione” (art. 1 della Convenzione sullo statuto degli apolidi, firmata a New York il 28 settembre 1954).
Dunque, si tratta di una persona che non può pretendere il riconoscimento in proprio favore dei diritti fondamentali riconosciuti dalla Costituzione di ciascuno Stato, né dei diritti conseguenti alla cittadinanza. E le profonde differenze esistenti tra le legislazioni sulla cittadinanza vigenti nei diversi Stati determinano anche enormi e spesso insormontabili difficoltà per ottenerla.

Per dirla con la parole di Dari, un apolide, “Solo quando hai una cittadinanza sei una persona libera” (https://www.unhcr.org/it/notizie-storie/comunicati-stampa/apolidi-italia-tavolo-apolidia-la-rete-della-societa-civile-tutelare-le-persone-apolide/), cioè puoi farti curare, andare a scuola o all’Università o mandarci i tuoi figli, trovare un lavoro, accedere alle liste dei beneficiari degli alloggi popolari o stipulare un contratto di locazione o di acquisto di una casa, aprire un conto corrente o chiedere un mutuo, votare o partecipare attivamente alla vita politica, etc.

Il problema di garantire agli apolidi la tutela dei diritti fondamentali, già sentito all’indomani della seconda guerra mondiale, ha assunto nell’ultimo decennio dimensioni ragguardevoli e di pressante urgenza, a fronte della crescita dei flussi migratori, in specie verso l’Europa, ed in ragione della necessità di assicurare tutele e prospettive di vita, di studio, di lavoro alle seconde generazioni, sovente nate nei paesi Europei nei quali i genitori si sono stabiliti.
I diversi disegni di legge volti a regolamentare l’acquisizione della cittadinanza italiana per nascita sul suo territorio, dunque secondo lo jus soli, costituiscono un esempio di quanto appena detto.

Andando oltre le strumentalizzazioni di chi li definisce “clandestini”, è frequente il verificarsi di situazioni paradossali che coinvolgono gli apolidi, ma anche chi, pur vivendo, studiando, lavorando da anni in Italia, non ne ha ancora acquisito la cittadinanza.
È paradigmatico il caso di Sara Kafimi, marocchina che vive a Ferrara dall’età di 4 anni, studentessa universitaria di Economia e Marketing all’Università di Bologna che, dopo aver compiuto tutti gli studi in Italia, non ha potuto svolgere un semestre universitario all’estero proprio perché priva del requisito della cittadinanza.

Sogni, impegno, passione, speranze, progetti, investimenti, vanificati da una burocrazia inumana che si nutre della mancanza o della contraddittorietà delle regole.

Ma dobbiamo considerare prospettive anche peggiori: chi non ha patria, e perciò non ha diritti e tutele, può più facilmente essere vittima dello schiavismo dei caporali o diventare manodopera a bassissimo costo per le organizzazioni criminali.

La mancanza di regole univoche e certe e di strumenti di esercizio dei diritti in favore degli apolidi è un “regalo” alla criminalità.
Per questo dovremmo fermarci a riflettere, quando sentiamo la parola “clandestino”, per comprendere fino in fondo la crudeltà delle sue implicazioni.

Image credit: Charlotte van Driel
www.picamemag.com

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il 25 novembre

Pubblicato in

Giornata contro la violenza sulle donne.Mondo assurdo. La violenza sulle…

THE END

Pubblicato in

Nell’infinitamente grande e nell’infinitamente piccolo c’è una immensità di cose…

Fughe, ricrescite e scolature

Pubblicato in

La Cina, quella della via della seta, chiude affari d’oro…

Ito

Pubblicato in

Massimo Corrado Di Florio
“Vivi, lascia vivere ma soprattutto… nun te fa pijà per culo.”

La giusta pena

Pubblicato in ||||

Franca Mina
La previsione di pene elevate astrattamente comminabili determina inevitabilmente un cortocircuito tra amministrazione della giustizia e senso di sicurezza dei cittadini

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio